Il corpo umano è come una macchina e per camminare ha bisogno di una benzina particolare: il cibo, che dà l’energia necessaria per svolgere i compiti quotidiani. Per muoversi, per studiare, per andare in ufficio o anche semplicemente per trascorrere una giornata tranquilla c’è bisogno di nutrirsi per effettuare le funzioni vitali di base e per mantenersi in buona salute.

A seconda della struttura fisica, a seconda del lavoro, delle attività o dello sport che si pratica, a seconda della genetica e del metabolismo, ognuno di noi necessita di una determinata quantità di calorie in base al proprio fabbisogno giornaliero. Gli esseri viventi, per restare in forma e vivere serenamente, devono assumere una determinata quantità di carboidrati, grassi, proteine, vitamine, sali minerali e acqua in grado di soddisfare tutte le esigenze dell’organismo e far funzionare la macchina.

Se l’alimentazione è sbagliata, si eccede nelle calorie o si fa poco movimento, può scatenare delle vere e proprie patologie dannose per la salute. Tra queste il diabete, l’obesità, le malattie cardiovascolari o metaboliche, l’ipertensione arteriosa, l’osteoporosi, le carie dentarie e alcuni tumori. Per non parlare, poi, di come l’assunzione sbagliata di cibo può portare a problemi come l’anoressia e la bulimia. Per questo nutrirsi nel modo giusto è fondamentale e fare una dieta significa imparare a seguire stile di vita adeguato per raggiungere un equilibrio psicofisico.

Alimentazione

7 germi presenti sul cibo che possono ucciderti

Ogni anno, 1 americano su 6 si ammala a causa di cibo contaminato, secondo il Center for Disease Control and Prevention (CDC). In Italia, facendo le debite proporzioni, le percentuali non sono dissimili. Ridurre il rischio di intossicazione alimentare da germi è possibile, se sai dove sono e come evitarne il contatto e l’ingestione. In […]

Alimentazione

Caffè: fa male?

Rispondere a una domanda di questo tipo può nascondere delle insidie, è come se qualcuno chiedesse: “L’attività fisica fa male alla salute?“: certo che no sarebbe, e deve essere, la risposta a quest’ultima domanda, ma bisogna preventivamente considerare lo stato di salute e l’intensità dell’attività che si vuole svolgere.