Salute e Dintorni

Influenza 2019-2020: il virus potrebbe essere particolarmente aggressivo

Il 10 Settembre 2019 negli Stati Uniti si è verificato il primo decesso associato al virus dell’influenza, nello specifico un bambino di 4 anni, già affetto da altre patologie, nello Stato della California. Ci sono indicazioni che il virus di quest’anno potrebbe essere particolarmente aggressivo.

Generalmente, il primo -e abbastanza attendibile- indicatore che aiuta a prevedere maggiore o minore aggressività dell’influenza prima dell’autunno è osservare quanto accaduto nell’Emisfero Sud. I dati pubblicati dall’equivalente del nostro Ministero della Salute Australiano, indicano che un ceppo particolarmente virulento dell’H3N2 è stato dominante in Australia.

Negli Stati Uniti, all’incirca 10% dei casi di influenza si è rivelato fatale nella stagione influenzale 2017-2018.

L’anno scorso il vaccino antinfluenzale si è dimostrato meno efficace delle previsioni, a causa di una seconda, non prevista, ondata di H3N2 a inizio primavera.

Il vaccino di quest’anno includerà anche i ceppi H3N2 e H3N1.

Due motivi per vaccinarsi

Anche in caso di copertura “parziale”, i sintomi influenzali lamentati dai pazienti vaccinati sono più blandi rispetto al paziente non vaccinato.

Inoltre uno studio del 2018 (Acute Myocardial Infarction after Laboratory-Confirmed Influenza Infection) conferma associazione tra infarto del miocardio e infezione delle vie respiratorie causate dall’influenza.

Vuoi discutere di questo articolo con i tuoi follower? Condividilo sui Social Network
John Dimi
John Dimi
Editore e divulgatore scientifico. Oltre che contributor diretto per il sito, si occupa di fact checking e revisione delle bozze. ------ Note biografiche disponibili nella pagina Redazione | Tutti gli articoli, ove non espressamente specificato, sono sottoposti a Revisione Scientifica e Fact Checking.
Avvisami di nuovi commenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments