Salute e Dintorni

Bere alcool previene virus, batteri e infezioni varie? Ovvio: NO.

Il dubbio che bere alcolici porti ad una sanificazione interna è tanto idiota quanto, se vogliamo, comprensibile. La maggior parte dei gel e detergenti disinfettanti hanno base alcolica. L’alcool uccide efficacemente germi, batteri e virus (tra cui il nuovo coronavirus responsabile del COVID-19) dalle superfici. PER FORTUNA, questo non vale quando l’alcool viene ingerito.

Partiamo dalle basi: i tre tipi di alcool

Chimicamente parlando, ci sono tre tipi principali di alcoli: isopropile, etile e metile, ognuno dei quali ha un efficace potere disinfettante, attaccando la membrana della cellula e dissolvendone i componenti interni. La maggior parte dei disinfettanti per le mani contiene alcool isopropilico o etilico (etanolo).

Quando l’alcool (etanolo) entra nel corpo attraverso assunzione orale viene scomposto dal fegato

Ed è un bene! Il potente effetto di disgregazione cellulare dell’alcool, se efficace anche all’interno del corpo, sarebbe probabilmente un cecchino per virus e batteri ma anche per le cellule “buone” dell’organismo.

Inoltre: attenzione a non ingerire alcool isopropile o alcool metilico (ovvero: metanolo), che si trova in carburanti, solventi e altri prodotti), poiché ingerire uno di questi tipi di alcool può avere esiti fatali.

L’alcol etilico è il tipo di alcool presente anche nelle bevande alcoliche e compatibile con un utilizzo alimentare. Quando è ingerito, il processo digestivo scompone rapidamente le molecole di etanolo, “disarmandole” e rendendo loro impossibile uccidere tutti i batteri che incontrano. Ed è una buona cosa, perché il corpo ospita miliardi di batteri buoni senza i quali la sopravvivenza stessa non sarebbe possibile. Se l’etanolo potesse uccidere i germi all’interno del corpo, spazzerebbe via anche i batteri buoni (inclusi quelli che si trovano nell’intestino).

Senza contare i tanti danni che l’assunzione non moderata di alcool produce al corpo…

Ovvio, il fatto che l’organismo, in particolare il fegato, disattivi la componente potenzialmente nociva dell’etanolo non significa poterne bere in quantità! Il consumo eccessivo di alcool, a medio-lungo termine, può avere effetti tossici sul corpo, tra cui irritazione del rivestimento dell’intestino, sovraccarico del fegato (che porta alla cirrosi epatica) e distruzione del tessuto cerebrale (leggi: Alcool e danni al cervello), nonché sbalzi e secrezione irregolare degli ormoni, testosterone in primis, grasso viscerale e gonfiore addominale, la cosiddetta “pancia da birra“.

Vuoi discutere di questo articolo con i tuoi follower? Condividilo sui Social Network
Lucia Del Neri
Lucia Del Neri
La decana del sito. Oltre che a pubblicare direttamente, si occupa della prima revisione dei contributi inviati dai redattori esterni.
Avvisami di nuovi commenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments