Fake News

[Fattoide] La birra causa ginecomastia

Ultimo aggiornamento

Vi stupirà, ma la corbelleria che la birra, o meglio, il luppolo con cui la si produce, causi negli uomini un’alterazione ormonale conosciuta come ginecomastia ha oltre ventanni (1998). Ampiamente smentita dalla Scienza (1999), ha conosciuto una seconda giovinezza a partire dal 2017. Ci torniamo brevemente per smentirla nuovamente.

Tutto nasce da un libro (pseudo) scientifico

Nel 1998, un libro: “Sacred and Herbal Healing Beers“, che in una cornice fintostorica-scientifica ma fortemente inquinata da conflitti ideologici e di interessi, a firma Stephen Harrod Buhner, dopo aver inanellato una memorabile sequenza di fandonie deliranti, mette in guardia gli uomini dai fitoestrogeni contenuti nel luppolo, che possono provocare sbilanciamento ormonale e conseguente disfunzione erettile e “seno maschile”.

In epoca pre-internet e, soprattutto, pre-social, le dichiarazioni dello scrittore ebbero un’interessante ma breve eco. Tuttavia, come spesso accade quando si azzecca la nicchia di riferimento per le proprie minchiate, la popolarità di Buhner (di professione: erborista) non ha conosciuto crisi e lo ha portato negli anni a scrivere libri e articoli ammantati di una credibilità che, in un mondo ideale, non avrebbero mai ottenuto.

La smentita, un anno dopo

Nel 1999, non è dato sapere se sulla scorta del successo del libro o per mera coincidenza, viene pubblicato sull’autorevole rivista Endocrine Society lo studio: “Identification of a potent phytoestrogen in hops (Humulus lupulus L.) and beer.. Nel paper viene confermata la presenza di un potente estrogeno – 8-prenylnaringenin – nel luppolo.

Il luppolo porta immediatamente alla mente la birra, ma gli autori dello studio non tardano a specificare, già nell’abstract:

This phytoestrogen can also be detected in beer, but the levels are low and should not pose any cause for concern.

Questo fitoestrogeno può essere rilevato anche nella birra, ma i livelli sono bassi e non dovrebbero costituire motivo di preoccupazione.


Tutto finito quindi? No, perché il fatto che il luppolo contenga fitoestrogeni (ripeto: vero, ma in quantità risibili!) e che i fitoestrogeni possano minare la mascolinità degli uomini ha creato il classico “fattoide“, ovvero una bufala che viene accettata come vera tanto da esser assunta come un fatto accertato.

Il che, nello specifico caso, non sarebbe neanche un male assoluto, visto che una piccola bugia a fin di bene, ovvero finalizzata a diminuire l’assunzione di alcool, la si può anche condonare.

Arriviamo nel 2017

Siamo in piena era post-internet, l’editoria online è in crisi, nessuno legge più, gli utenti del web sembrano colti da un deficit dell’attenzione collettivo, più impegnati a incensare l’influencer [LOL! – N.d.R.] di turno, che a colpi di selfie e ostentata good-life (“per 80.000 euro non mi pettino neanche la mattina“) ruba loro il tempo che potrebbero dedicare ad informarsi propriamente.

I bilanci dei siti internet di informazione virano pericolosamente verso un intenso colore rosso. Meno utenti, meno click sugli advertising, meno soldi. Per poter sopravvivere è necessario catturare quel briciolo di attenzione a disposizione dei lettori e la soluzione, a quanto pare l’unica, è creare titoli acchiappaclick e pigiare forte il pedale del sensazionalismo.

Non stupisce quindi che anche un giornale solitamente serio e autorevole come l’Independent, nel 2017, riesumando proprio il libro di Buhner del 1998, titola:

SOURCE: https://www.independent.co.uk/life-style/food-and-drink/ipa-man-boobs-beer-hops-weight-gain-hormones-phytoestrogens-moobs-brewers-droop-a7934306.html

A far scuola di giornalismo pruriginoso, da tempo immemore, è il tabloid britannico The Sun (da noi già citato qui), che facendo eco all’articolo dell’Indipendent titola, con la consueta delicatezza:

SOURCE: https://www.thesun.co.uk/fabulous/4771357/guys-watch-out-your-favourite-pint-of-beer-could-be-giving-you-man-boobs/

Dopo neanche 24 ore la, diciamo, notizia, arriva oltreoceano e solletica le fantasie erotiche di clickbaiting del New York Post:

SOURCE: https://nypost.com/2017/10/26/beer-consumption-linked-to-man-boob-growth/

VICE (Usa) arriva un paio di mesi dopo, ma il treno delle corbellerie è ancora carico di click facili e decide di unirsi alla festa…

SOURCE: https://www.vice.com/en_us/article/bmpbm8/ipas-are-giving-you-man-boobs

In Italia, tra gli altri c’è anche cascato DISSAPORE (solitamente ottimo anche nel demistificare le bufale alimentari):

https://www.dissapore.com/bere/birra-problema-seno-maschile/

Anche se, va chiarito, l’articolo di dissapore.it si rifà in larga parte all’articolo di VICE —– e non chiedetemi perché l’articolo italiano è datato Settembre 2017, ma linka un articolo di VICE di Dicembre 2017. Misteri del web.


Conclusioni e ulteriori approfondimenti

Dato l’alto numero di uomini amanti della birra in tutto il mondo, questa bufala è ormai un evergreen destinato a ripresentarsi periodicamente su web magazine e social network.

La quantità di fitoestrogeni presenti nel luppolo usato per aromatizzare la birra è troppo bassa per produrre variazioni ormonali negli uomini.

Esistono cause ben più importanti e scientificamente documentate dello squilibrio ormonale maschile e/o della bassa produzione di testosterone: scarsa attività fisica, obesità e diabete tipo II, scarsa qualità del sonno.

Sulla relazione che esiste tra Alcool (quindi non solo la birra, ma qualsiasi bevanda alcolica) e livelli di Testosterone gli studi, a tutt’oggi, giungono a conclusioni contrastanti e non definitive.

Leggi l’articolo, su Virtua Salute: “Alcool E Testosterone: Gli Alcolici Alzano O Abbassano Il Testosterone?


Fonti e approfondimenti

The Internet Falls in Love With Ancient, Crackpot Study Showing IPAs Cause Man Boobs (ENG, html)

Are IPAs giving you man boobs? How do phytoestrogens in hops affect humans? (ENG, html)

Angela Garella
Angela Garella
Veronese DOC, ci tiene a precisare. Esperta di fitness e rimedi naturali. Se volete sapere a cosa serve un integratore... chiedete a lei! ------ Note biografiche disponibili nella pagina Redazione | Tutti gli articoli, ove non espressamente specificato, sono sottoposti a Revisione Scientifica e Fact Checking.