Salute e Dintorni

Sindrome Kawasaki

La sindrome di Kawasaki è una malattia che provoca l’infiammazione dei vasi sanguigni, quasi sempre nei bambini piccoli. È una delle principali cause di malattie cardiache nei bambini. Il trattamento della patologia avrà maggior successo se viene diagnosticata per tempo. La maggior parte dei bambini guarisce senza problemi.

Cause e fattori di rischio della sindrome di Kawasaki

Lo stato infiammatorio causato dalla malattia di Kawasaki può danneggiare le arterie e le coronarie, ovvero i condotti che portano il sangue al cuore. Può anche causare problemi ai linfonodi, la pelle e il rivestimento della bocca, del naso e della gola.

Non è ancora del tutto chiaro cosa possa favorire il contrarre la malattia di Kawasaki. Potrebbe essere collegato a geni, virus o batteri e altri fattori attinenti alla quotidianità del bambino, come sostanze chimiche e sostanze irritanti.

Probabilmente la malattia non è contagiosa, ma talvolta intere zone specifiche di una comunità. I bambini hanno maggiori probabilità di contrarlo in inverno e in primavera.

Altri fattori possono aumentare il rischio di contrarre la Sindrome di Kawasaki, tra cui:

  • Età. Di solito colpisce i bambini di età pari o inferiore a 5 anni.
  • Sesso. I maschi hanno 1,5 volte più probabilità di ottenerlo rispetto alle femmine.
  • Razza. I bambini di origine asiatica hanno maggiori probabilità di contrarre la malattia di Kawasaki.

Sintomi della Sindrome di Kawasaki

La malattia di Kawasaki si manifesta rapidamente e i sintomi si manifestano in determinati stadi denominati: “fasi”.

Prima fase

I segni della prima fase della malattia di Kawasaki includono:

Febbre alta (>38° c), persistente, che dura più di 5 giorni. La febbre perdura nonostante la somministrazione di antipiretici come il paracetamolo o ibuprofene.

Inoltre:

  • Eruzione cutanea e / o desquamazione, spesso tra il torace e le gambe e nella zona genitale o inguinale
  • Gonfiore e arrossamento delle mani e dei piedi
  • Occhi arrossati
  • Ghiandole gonfie, specialmente al collo
  • Gola, bocca e labbra irritate
  • “Lingua a fragola”: lingua gonfia e di colore rosso vivo

Seconda fase

  • Dolori articolari
  • Mal di pancia
  • Mal di stomaco, come diarrea e vomito
  • Desquamazione della pelle su mani e piedi

La malattia di Kawasaki può causare problemi cardiaci da 10 giorni fino a 2 settimane dopo l’inizio dei sintomi.

Terza fase

I sintomi tendono a scomparire lentamente in quest’ultima fase. La terza fase può durare fino a 8 settimane.

È essenziale contattare immediatamente il medico se il bambino presenta questi sintomi, inclusa una febbre tra 38°c e 40°c che dura più di 4 giorni.

Il trattamento precoce può aiutare a ridurre il rischio di effetti duraturi.

_

Diagnosi

Il medico esegue un esame fisico e si informerà sui sintomi del paziente. Importante segnalare al medico da quanto il bambino presenta febbre persistente. Almeno quattro di questi cinque segni devono essere verificati per giungere ad una (probabile) diagnosi di Kawasaki:

  • Occhi rossi
  • Labbra e bocca rosse
  • Arti rossi e gonfi
  • Eruzione cutanea
  • Linfonodi ingrossati

Potrebbe essere inoltre necessario eseguire degli esami approfonditi e specifici per escludere altre malattie o per vedere se la condizione ha colpito il cuore di tuo figlio.

Questi test includono (ma non sono limitati a):

  • Esami cardiaci come elettrocardiogramma (ECG) ed ecocardiogramma
  • Analisi del sangue
  • Test di imaging come raggi X e angiogramma coronarico

Trattamento della malattia di Kawasaki

La sindrome di Kawasaki può essere molto dolorosa a causa della febbre, del gonfiore e dei problemi della pelle. Il medico potrebbe prescrivere farmaci per alleviare i sintomi, come aspirina e farmaci che prevengono la formazione di coaguli di sangue.

È imperativo evitare il “fai da te”. Rivolgersi prontamente al medico prima di prendere iniziative inutili e potenzialmente dannose.

Il medico probabilmente prescriverà anche infusioni di immunoglobuline (endovenosa o IV). Ovvero proteine ​​chiamate “anticorpi” per aiutare a combattere le infezioni. L’aspirina rende più efficace l’infusione, ovvero ridurrà il rischio di problemi cardiaci se assunta ad inizio trattamento.

Complicanze della malattia di Kawasaki

Poiché coinvolge il cuore del bambino, questa malattia può causare grande apprensione nei genitori. Ma la maggior parte dei bambini guarisce completamente e non ha problemi a lungo termine.

In rari casi, i bambini possono presentare:

  • Ritmo cardiaco irregolare (aritmia)
  • Muscolo cardiaco infiammato (miocardite)
  • Danni alle Valvole cardiache (rigurgito mitralico)
  • Vasi sanguigni infiammati (vasculite)

Queste problematiche possono causarne di altre, tra cui pareti dell’arteria deboli o sporgenti. Ovvero aneurismi. Potrebbero aumentare il rischio di blocco dell’arteria, che può causare emorragie interne e attacchi di cuore.

Un ecocardiogramma può confermare o smentire molte di queste complicanze.

Nei casi più gravi, potrebbe rendersi necessario un intervento chirurgico. I bambini hanno un rischio maggiore di gravi complicanze.

Dopo che i primi sintomi scompaiono, potrebbero essere comunque necessari ulteriori raggi X, ecocardiogrammi, ECG o altri test per escludere danni a lungo termine.

Vuoi discutere di questo articolo con i tuoi follower? Condividilo sui Social Network
John Dimi
John Dimi
Editore e divulgatore scientifico. Oltre che contributor diretto per il sito, si occupa di fact checking e revisione delle bozze. ------ Note biografiche disponibili nella pagina Redazione | Tutti gli articoli, ove non espressamente specificato, sono sottoposti a Revisione Scientifica e Fact Checking.
Avvisami di nuovi commenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments