OTC e Integratori

[Studio] Integratori proteici WHEY e BCAA potrebbero essere dannosi nel lungo periodo

Uno studio -condotto su topi- e pubblicato su Nature.com, suggerirebbe possibili problemi di salute anche per l’uomo causati dall’utilizzo di integratori proteici arricchiti di aminoacidi ramificati (bcaa)

L’articolo, “Branched-chain amino acids impact health and lifespan indirectly via amino acid balance and appetite control” (Aminoacidi a catena ramificata hanno impatto indiretto sulla salute e sull’aspettativa di vita attraverso il bilancio degli aminoacidi e il controllo dell’appetito), presenta gli esiti di una ricerca effettuata su topi, cui è stata somministrata una dieta ricca di aminoacidi ramificati (leucina, valina, and isoleucina) e povera di carboidrati.

I ricercatori dell’Università di Sidney hanno rilevato come una dieta ricca di proteine ma povera di altri nutrienti essenziali, pur non rivelandosi direttamente tossica per l’organismo, può essere indirettamente dannosa, incidendo sull’umore, sull’appetito e incidendo significativamente sull’aspettativa di vita.

La motivazione appare essere chimica-ormonale: i BCAA influenzano la produzione del TRIPTOFANO.

Questa ricerca, i cui risultati appaiono nella rivista Nature Metabolism, deriva in parte da precedenti studi condotti dalla coautrice Samantha Solon-Biet, Ph.D.

Sebbene le diete ricche di proteine ​​e povere di carboidrati si dimostrassero benefiche per la funzione riproduttiva, hanno avuto effetti nocivi per la salute a metà della vita e hanno anche ridotto la durata della vita

Ciò che questa nuova ricerca ha dimostrato è che l’equilibrio degli amminoacidi è importante – è meglio variare le fonti di proteine ​​per garantire il miglior equilibrio aminoacidico.

Hanno scoperto che i roditori che ingerivano molti BCAA avevano alti livelli di questi aminoacidi nel sangue. Qui, questi amminoacidi hanno influenzato la funzione del triptofano, un alfa-amminoacido da cui deriva la serotonina, un ormone chiave e un neurotrasmettitore.

Nella ricerca, l’integrazione in dosi massicce di BCAA ha portato ad alti livelli di BCAA nel sangue, che competevano con il TRIPTOFANO per il trasporto nel cervello.

Il triptofano è l’unico precursore dell’ormone SEROTONINA, il cosiddetto “Ormone della felicità” per i suoi effetti benefici l’umore e il suo ruolo nel favorire e regolare il sonno.

I ricercatori hanno scoperto che la competizione tra BCAA e triptofano nel sangue portava a livelli di serotonina nel cervello inferiori alla norma, con conseguenze indesiderate.

Il prof. Simpson, coautore della ricerca:

Questo ha poi abbassato i livelli di serotonina nel cervello, che a sua volta è stato un segnale potente per aumentare l’appetito. La diminuzione della serotonina causata da un’eccessiva assunzione di BCAA ha portato a un eccesso di appetito nei nostri topi, che è diventato enormemente obeso e ne ha accorciato la vita .

I ricercatori hanno rilevato questi effetti negativi in ​​un gruppo di topi che è stato alimentato con il doppio della normale quantità di BCAA per tutta la loro vita.

Il dietologo e nutrizionista della sanità pubblica Rosilene Ribeiro, della Scuola di Scienze della Vita e dell’Ambiente dell’Università di Sydney, non ha partecipato alla ricerca, ma commentandone gli esiti suggerisce che le persone dovrebbero mirare a bilanciare diverse fonti di proteine ​​nella loro dieta quotidiana per evitare conseguenze indesiderate per la loro salute.

Fonti e approfondimenti:

Angela Garella
Angela Garella
Veronese DOC, ci tiene a precisare. Esperta di fitness e rimedi naturali. Se volete sapere a cosa serve un integratore... chiedete a lei!