News

Desametasone: promettente farmaco per ridurre le morti da COVID-19

Uno studio documenta che la somministrazione del farmaco steroide denominato desametasone ha ridotto le morti fino a un terzo nei pazienti ospedalizzati gravemente malati.

Una ricerca condotta in Inghilterra presenta le prime evidenze che un farmaco può abbassare di oltre il 30% i decessi direttamente riconducibili al COVID-19: uno steroide chiamato DESAMETASONE ha ridotto le morti nei pazienti ospedalizzati gravemente malati.

I risultati dello studio: “Low-cost dexamethasone reduces death by up to one third in hospitalised patients with severe respiratory complications of COVID-19” sono stati resi noti martedì 16 Giugno 2020.

Lo studio è stato condotto rispettando una procedura rigorosa che ha assegnato il Desametasone in modo casuale a 2.104 pazienti e li ha confrontati con 4.321 pazienti che sono stati sottoposti alle cure ospedaliere normali.

Il farmaco è stato somministrato per via orale o attraverso un’endovenosa: i risultati mostrano l’efficacia nel ridurre le morti del 35% nei pazienti che necessitavano di trattamenti con macchine respiratorie e del 20% in quelli che necessitavano solo di ossigeno supplementare.

Non sono stati notati effetti significativi su pazienti che presentavano un quadro clinico meno grave.

Questi sono risultati estremamente positivi“, ha dichiarato in una nota un leader dello studio, Peter Horby dell’Università di Oxford. “Il vantaggio in termini di sopravvivenza è evidente e ampio in quei pazienti che sono gravemente malati e richiedono un trattamento con ossigeno, quindi il desametasone dovrebbe ora diventare uno standard di cura in questo tipo di paziente. Il desametasone è economico, facilmente reperibile e può essere utilizzato immediatamente per salvare vite umane in tutto il mondo.

Questo è lo stesso studio che all’inizio di questo mese ha dimostrato che il farmaco contro la malaria l’idrossiclorochina non funzionava contro il coronavirus.

Lo studio ha arruolato oltre 11.000 pazienti in Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord a cui sono stati somministrati standard di cura o che hanno aggiunto uno dei numerosi trattamenti: il farmaco combinato HIV lopinavir-ritonavir, l’antibiotico azitromicina; il desametasone steroideo, il tocilizumab farmaco antinfiammatorio o il plasma di persone che si sono riprese da COVID-19 che contiene anticorpi per combattere il virus.

Finanziamento della ricerca

La ricerca continua sugli altri trattamenti. La ricerca è finanziata da agenzie sanitarie governative nel Regno Unito e donatori privati ​​tra cui The Bill e Melinda Gates Foundation.

Vuoi discutere di questo articolo con i tuoi follower? Condividilo sui Social Network
John Dimi
John Dimi
Editore e divulgatore scientifico. Oltre che contributor diretto per il sito, si occupa di fact checking e revisione delle bozze. ------ Note biografiche disponibili nella pagina Redazione | Tutti gli articoli, ove non espressamente specificato, sono sottoposti a Revisione Scientifica e Fact Checking.
Avvisami di nuovi commenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments