News

La Sigaretta elettronica è il metodo più efficace per smettere di fumare secondo uno studio UK.

Un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’università di Londra e pubblicato sul giornale Addiction il 22/05, ha rilevato che le persone che usano le sigarette elettroniche per smettere di fumare (sigarette tradizionali) hanno il 95% di probabilità in più di riuscire rispetto a coloro che non usano alcun “sussidio per smettere di fumare”.

Sembra paradossale, “fumare per smettere di fumare” (ops!.. pardon: “svapare”), eppure secondo i dati raccolti in 12 mesi nello studio, promosso dal Cancer Research UK è intitolato: “Moderators of real‐world effectiveness of smoking cessation aids: a population study,” non solo è stata determinata l’efficacia individuale della sigaretta elettronica e di tutte le altre tecniche per smettere di fumare (come NRT, farmaci come il Champix, siti internet di auto-aiuto, psicoterapia ecc.) , ma è stato anche preso in considerazione qualsiasi altro fattore che poteva influenzare il successo o l’insuccesso di un tentativo di dire addio alle sigarette: l’età dell’individuo, i parametri socioeconomici, il livello di dipendenza dalla sigaretta, i precedenti tentativi di smettere di fumare, i tentativi erano bruschi o viceversa vi era un allontanamento graduale dalle sigarette.

Il team di ricercatori ha confrontato l’efficacia, come strumento principale per cessare il vizio del tabacco, delle sigarette elettroniche, i cerotti alla nicotina (NRT), la gomma alla nicotina (NRT), il farmaco commercializzato come Champix; altri metodi presi in esame includono la terapia farmacologica con bupropione, supporto psicolofico telefonico e terapie cognitivo-comportamentali con lo psicologo, materiali di autoaiuto (es: libri), siti web di autoaiuto e ipnoterapia.

Questo studio ha esaminato 18.929 persone che vivono in Inghilterra e che avevano tentato di smettere di fumare negli ultimi 12 mesi. I dati sono stati raccolti individualmente per un periodo di 12 anni tra il 2006 e il 2018.

Il dott. Jamie Brown, coautore dello studio, ha aggiunto:

È importante che le sigarette elettroniche siano ugualmente efficaci per i fumatori di tutte le età e ambienti sociali. Il fumo è uno dei maggiori contributi alla disuguaglianza di salute tra ricchi e poveri e la crescita nell’uso di sigarette elettroniche potrebbe alla fine iniziare a ridurre questo divario .

Dott. Jamie Brown


Diversi esperti sono tuttavia scettici sulla promozione delle sigarette elettroniche come alternativa al fumo, affermando che i loro effetti a lungo termine sono sconosciuti e che la dicitura “sicuro” potrebbe significare un maggiore appeal verso i giovani.

Il professor Martin McKee, della London School of Hygiene e Tropical Medicine, ha espresso le sue preoccupazioni sulla sicurezza delle e-sigarette il mese scorso:

La nicotina nelle e-sigarette non è innocua, inoltre non è l’unica sostanza che viene inalata. Non abbiamo avuto e-sigarette per il tempo necessario per conoscere gli effetti reali. Ma quando guardiamo alle prove che abbiamo, ci sono motivi sufficienti per gravi preoccupazioni: dati gli effetti a breve termine sulla funzione polmonare e gli effetti cardiovascolari, ci sono prove sufficienti per dire che dovremmo essere molto, molto attenti .

Martin McKee, London School of Hygiene e Tropical Medicine


Nel Febbraio di quest’anno è stato pubblicato un altro studio sulle e-cigarette: “A Randomized Trial of E-Cigarettes versus Nicotine-Replacement Therapy” (redatto dai ricercatori della Queen Mary University of London) ovvero uno scontro one vs one tra sigarette elettroniche e cerotti/gomme alla nicotina. Anche in questo caso il successo della sigaretta elettronica come aiuto per smettere di fumare è stato evidente.

John Dimi
John Dimi
Editore e divulgatore scientifico. Oltre che contributor diretto per il sito, si occupa di fact checking e revisione delle bozze.