Cure e Trattamenti

Effetti collaterali Somatoline

Somatoline è un prodotto utilizzato da un cospicuo numero di donne per combattere la cellulite. Si tratta di un prodotto dermatologico ad uso topico i cui princìpi attivi sono l’escina e la levotiroxina.

Il prodotto si presenta come un’emulsione cutanea in flaconi da 10, 15 e 25 applicazioni e non richiede prescrizione medica.

Ma cosa è esattamente la levotiroxina e quando viene utilizzata di preciso? Può interferire con il normale funzionamento ormonale se utilizzata sotto forma di crema?

Indice argomenti


Che cos’è la levotiroxina?

La levotiroxina – detta anche L-tiroxina – è un ormone sintetico che dal punto di vista chimico è identico alla tiroxina, l’ormone tiroideo prodotto naturalmente dalla nostra tiroide. (endocrinologiaoggi.it). La levotiroxina è impiegata nella cura dell’ipotiroidismo e, in questi casi, viene assunta per via orale sotto forma di compresse, fiale o capsule molli. 

A seconda del quadro clinico specifico, il medico specialista prescrive dosaggi che possono cambiare da caso a caso. L’assorbimento di questo ormone sintetico, infatti, è legato a diverse variabili come ad esempio l’assunzione di altri farmaci, l’acidità gastrica, malattie pregresse ed eventuali interferenze con i cibi assunti (fondazioneveronesi.it). Ma come agisce sull’organismo?

Una volta assunta per via orale, la levotiroxina raggiunge i tessuti periferici grazie al flusso sanguigno ed è lì che dà origine alla triiodotironina o T3, ossia la forma attiva, che in seguito si lega ai recettori nucleari e porta a compimento la sua funzione. La levotiroxina viene assorbita in percentuale maggiore dal duodeno, dall’ileo e dal digiuno, mentre viene eliminata in gran parte attraverso i reni e le feci. (endocrinologiaoggi.it). 

E per quanto riguarda la levotiroxina contenuta nei prodotti dermatologici ad uso topico?

Come agiscono le creme a base di levotiroxina?

L’emulsione cutanea Somatoline sfrutta l’azione di due princìpi attivi, l’escina e la levotiroxina. Nel caso di una terapia orale atta a contrastare scompensi ormonali a carico della tiroide, questo ormone sintetico, come abbiamo detto, passa necessariamente dall’intestino e viene espulso da reni e feci. Al contrario, nel caso di un’applicazione sull’epidermide con lo scopo di fronteggiare la comparsa di stati di adiposità combinati a cellulite, l’assorbimento della levotiroxina sembra cambiare in modo sostanzioso. 

Come afferma il dottor Maurizio Bevilacqua, specialista in endocrinologia di Milano, gli studi clinici condotti al fine di verificare se le creme a base di levotiroxina interferiscono con la normale funzionalità della tiroide hanno dimostrato che l’ormone in questione, una volta utilizzato sulla pelle, viene assorbito dai tessuti sottocutanei dove viene trasformato in T2, ossia in una sostanza inattiva dal punto di vista metabolico e che non entra in circolo nel corpo

Nello specifico, le creme con levotiroxina come Somatoline svolgono un’azione locale e hanno effetti sulla zona di applicazione specifica. In particolare inducono una combustione dei grassi con la finalità sia di ridurre lo spessore dei noduli sottocutanei e del pannicolo adiposo sia di regolarizzare la produzione eccessiva di fibre collagene che inglobano, sclerotizzate, gli adipociti (starbene.it).

In parole povere, non ci sono evidenze scientifiche che provano un’interazione con il funzionamento della tiroide dopo aver utilizzato una crema ad azione locale, questo perché l’ormone sintetico levotiroxina non entra in circolo nel sangue.

Quali sono gli effetti collaterali di Somatoline?

Come riportato nel foglietto illustrativo dell’emulsione cutanea Somatoline, dato che si tratta di un farmaco a tutti gli effetti, prima di utilizzare la crema è bene seguire tutte le istruzioni in esso indicate o le indicazioni del medico o del farmacista.

Per ulteriori delucidazione, sul sito ufficiale Somatoline sono presenti le risposte alle domande frequenti, riguardati anche l’interazione con la tiroide.

Tuttavia, non sono riportate particolari precauzioni da prendere prima dell’utilizzo di Somatoline, se non quelle suggerite dal buonsenso ogniqualvolta si decida di prendere un farmaco. Come è diffusamente noto per tutti i farmaci, compresi quelli ad azione cutanea, un utilizzo prolungato può favorire l’insorgenza di fenomeni di sensibilizzazione e portare quindi effetti indesiderati.

Ecco le principali informazioni da sapere prima di assumere Somatoline:

  • Consultare il proprio medico in caso di gravidanza e allattamento e seguire le sue indicazioni;
  • Non utilizzare su bambini e adolescenti;
  • Evitare di usare Somatoline vicino alle mucose;
  • Non utilizzare il prodotto dopo la data di scadenza;
  • Gli eventuali effetti indesiderati sono generalmente transitori
  • Non sono state riscontrate alterazioni nella capacità di usare macchinari o guidare veicoli di alcun tipo;
  • Non utilizzare Somatoline se si è allergici a un qualsiasi principio attivo o componente del farmaco, come la levotiroxina o l’escina;
  • Non sono richieste particolari condizioni di conservazione del medicinale;
  • Non utilizzare Somatoline se si è intolleranti allo iodio

Fonti:

  1. StarBene (settimanale di salute e benessere) https://www.starbene.it/salute/problemi-soluzioni/tiroide-levotiroxina/
  2. Endocrinologia Oggi (centro medico privato di Roma altamente specializzato nella diagnosi e nella cura delle patologie endocrinologiche e metaboliche) https://www.endocrinologiaoggi.it/2018/08/ormone-tiroideo-levotiroxina/
  3. Fondazione Veronesi https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/lesperto-risponde/perche-la-cura-della-tiroide-va-fatta-unora-prima-della-colazione
Vuoi discutere di questo articolo con i tuoi follower? Condividilo sui Social Network
Stefania Palazzo
Stefania Palazzo
La 'Stefy' è stata la prima autrice del sito nonché la prima a credere nel progetto Virtua Salute. Appassionata di medicine naturali.
Avvisami di nuovi commenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments