OTC e Integratori

Vitamina K2: benefici, dosaggio, dove si trova

La vitamina K2 è importante ai fini di un più efficace utilizzo del calcio da parte dell’organismo per costruire ossa e inibire la calcificazione dei vasi sanguigni. Le diete occidentali restrittive possono provocarne carenza. La vitamina K2 si trova in cereali, carne grassa, uova e pesce. Alcuni batteri nell’intestino crasso sono noti per sintetizzare la vitamina K2.

Vitamina K: K1 e K2

La vitamina K riveste un ruolo importante nel processo di coagulazione del sangue attraverso la modifica delle molecole proteiche.

Sebbene le catene laterali delle unità isoprenoidi nella molecola della vitamina K abbiano una lunghezza diversa, l’enzima γ-glutamil carbossilasi le utilizza per l’attivazione di proteine ​​specifiche. Queste proteine, compresa la protrombina, sono coinvolte nella coagulazione del sangue e nel metabolismo osseo, nonché nell’inibizione della calcificazione nei tessuti molli.

I due principali tipi di vitamina K sono la vitamina K1 (phylloquinone) e la vitamina K2 (menaquinone). Entrambi i tipi sono vitali per il mantenimento della salute ossea e cardiaca, nonché nell’emostasi. Diversi studi hanno riportato maggiori benefici per la salute con la vitamina K2 rispetto alla vitamina K1; la prima contribuisce alla salute della pelle e al metabolismo osseo, promuove la corretta funzione cerebrale e previene le malattie cardiache.

Vitamina K2 e metabolismo delle ossa

L’osso umano è costituito da una sottile membrana esterna dura (periostio), che copre una matrice spugnosa morbida rivestita con vasi sanguigni e linfatici. Lo scheletro subisce un costante ricambio, in modo che venga completamente sostituito ogni sette-dieci anni. Durante il processo di rimodellamento, il calcio dall’osso viene trasferito nel flusso sanguigno. La sostituzione del calcio è regolata da osteoblasti e osteoclasti.

L’osteocalcina è una molecola prodotta dagli osteoblasti, che assorbe il calcio e lo trasporta nella matrice ossea. Tuttavia, l’osteocalcina può essere attivata solo dalla vitamina K2. L’osteocalcina è anche nota per innescare la formazione della dentina, il tessuto calcificato nei denti.

Inoltre, studi hanno dimostrato che la vitamina K2 inibisce la perdita ossea anche in caso di malattie correlate alle ossa. Uno studio ha testato il livello di vitamina nei pazienti affetti da osteoporosi. È stato riferito che in questi casi l’integrazione di vitamina K2 ha prevenuto nuove fratture ossee e la resistenza ossea è stata aumentata. Sebbene il meccanismo esatto non sia stato completamente compreso, si suggerisce che l’accelerazione della carbossilazione γ-glutammato dell’osteocalcina potrebbe svolgere un ruolo importante.

Prevenzione delle malattie cardiovascolari

Un ulteriore ruolo vitale della vitamina K2 è l’inibizione della calcificazione nei vasi sanguigni e il mantenimento della salute del cuore.

La vitamina K2 previene i danni ai vasi sanguigni in quanto attiva la proteina matrice GLA (MGP), la quale ne inibisce la calcificazione. La carenza di vitamina K2 provoca quindi MGP non carbossilati o inattivi che portano a malattie cardiovascolari. Un altro ruolo della vitamina K2 è nella coagulazione del sangue. K2 è necessario per la sintesi di proteine ​​specifiche che prendono parte alla coagulazione del sangue, ovvero previene il sanguinamento interno ed esterno.

Vitamina K2: dose minima raccomandata (giornaliera)

E’ raccomandata l’assunzione giornaliera di almeno 120mcg (uomini) o 90 mcg (donne) di vitamina K, che deve essere ingerita attraverso la dieta. La vitamina K2 deve incidere per circa il 25/30% del totale di vitamina K assunta quotidianamente, ovvero tra i 30 e i 50 mcg / giorno.

Inoltre, la vitamina K2 aiuta anche a mantenere l’elasticità dei vasi sanguigni. Secondo uno studio, l’assunzione di integratori di vitamina K2 in donne in post-menopausa ha anche portato a una diminuzione più lenta della densità minerale ossea legata all’età.

È anche importante assumere abbastanza K2 attraverso la dieta o in forma di integratore per prevenire il sanguinamento. La vitamina K2 è nota per agire come coagulante e la sua carenza può avere conseguenze fatali, specialmente durante gli incidenti. Poiché i bambini sono più inclini alla carenza di vitamina K, l’American Academy of Pediatrics raccomanda che venga somministrata alla nascita. Ciò può prevenire complicanze come l’emorragia intracranica, danni al cervello e morte del neonato. Per gli adulti è consigliata un’assunzione giornaliera tra 100-300 mcg di vitamina K2.

Inoltre, la vitamina K2 dovrebbe essere assunta con la vitamina D3 poiché entrambe queste vitamine hanno effetti sinergici, inibendo le cellule degli osteoclasti che sono responsabili del riassorbimento osseo.

Vitamina K2: in che alimenti trovarla

La vitamina K2 è prodotta, prevalentemente, dai batteri dell’intestino. Tramite l’alimentazione è possibile assumerla attraverso il consumo di uova (tuorlo) e formaggi, in particolare quelli fermentati.


Fonti:

Vitamin K: Fact sheet for health professionals

Vitamin K deficiency

John Dimi
John Dimi
Editore e divulgatore scientifico. Oltre che contributor diretto per il sito, si occupa di fact checking e revisione delle bozze. ------ Note biografiche disponibili nella pagina Redazione | Tutti gli articoli, ove non espressamente specificato, sono sottoposti a Revisione Scientifica e Fact Checking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *