Endometriosi

L’endometrio è quella mucosa che riveste l’interno dell’utero progettata per accogliere l’ovulo fecondato.

L’endometriosi è quella malattia ginecologica caratterizzata dalla presenza di mucosa uterina, ovvero cellule endometriale, al di fuori dell’utero. Colpisce circa il 10% delle donne fra i 25 ed i 45 anni, porta alla sterilità più o meno in 1/3 dei casi e viene curata attraverso terapie ormonali o con la celiochirurgia. Raramente può degenerare in cancro e di solito scompare durante la menopausa per via dei cambiamenti ormonali.

Per la diagnosi ed il trattamento chirurgico di disturbi come l’endometriosi la medicina moderna si serve di una tecnica poco invasiva  chiamata celioscopia o laparoscopia, che permette di osservare l’interno dell’addome con uno strumento ottico introdotto attraverso la parete addominale (il celioscopio).

CHE DANNI PROVOCA L’ENDOMETRIOSI?

Se le cellule endometriali lasciano l’utero, normalmente vengono distrutte dal sistema immunitario; nelle donne che soffrono di endometriosi queste cellule invece vanno ad impiantarsi su altri organi della cavità peritoneale: il peritoneo, le ovaie, le tube di Falloppio, i legamenti e la parete esterna dell’utero, l’intestino e la vescica. Lì formano degli impianti endometriali, ovvero dei caratteristici noduli costituiti da un gruppetto di cellule endometriali, delle vere e proprie lesioni, frammenti di endometrio che si sviluppano sotto lo stimolo degli ormoni prodotti dalle ovaie, regolati dal ciclo mestruale e che sanguinano durante le mestruazioni. Questo fenomeno provoca dei crampi ed infiammazioni che possono portare alla formazione di noduli, cisti ovariche e aderenze tra gli organi coinvolti. Nei casi i cui le aderenze si formano tra l’utero e le ovaie o le tube di Falloppio, si può verificare sterilità spesso irreversibile.

Quando l’endometriosi colpisce la parete muscolare dell’utero, il miometrio, viene detta adenomiosi; si parla invece endometrioma (o cisti endometriale) quando sull’ovaia di donne affette da endometriosi si forma una cisti costituita da cellule endometriali, spesso piena di sangue e che può rompersi e sanginare durante le mestruazioni.

Leave a Comment