Infezioni Genitali

Le infezioni degli organi genitali possono essere provocate da batteri, virus o parassiti determinando infiammazioni caratterizzate da arrossamento, dolore, gonfiore, perdite, febbre e, a volte, formazione di ascessi. Generalmente la loro cura prevede terapie a base di antibiotici a seconda dell’organo interessato e del tipo di infezione.

Forme comuni di Infezione genitale

Innanzitutto l’Herpes genitale , che può colpire in modo diverso sia uomini che donne. Si manifesta con ulcere visibili e arrossate e talvolta anche molto dolorose, che influenzano l’attività urinaria e la vita sessuale. Generalmente il trattamento consigliato è quello farmacologico

FORME COMUNI DI INFEZIONI GENITALI MASCHILI

Prostatite: infiammazione della prostata, un disturbo comune spesso associato con un’infezione urinaria. Quando è batterica si manifesta con febbre, brividi e difficoltà ad urinare, se curata male può trasformarsi in prostatite batterica cronica, che provoca dolore soprattutto durante l’eiaculazione. Di solito si tratta di infezione non batterica e viene curata soprattutto seguendo norme alimentari ed igieniche.

Infezioni dei testicoli: possono essere determinate da infezioni urinarie, da infezioni a trasmissione sessuale come la clamidia o la gonorrea oppure dalla parotite. Se l’infiammazione riguarda i testicoli si parla di orchite, ma può riguardare anche l’infiammazione dell’epididimo (epididimite) o, spesso entrambi i tessuti (orchi.epididimite). I sintomi sono dolore e gonfiore dei testicoli.

Infezioni del pene: queste colpiscono soprattutto il glande (balanite) e l’uretra (uretrite). La balanite può avere origine infettiva e dipendere da candida, clamidia, herpes genitale o sifilide, oppure può essere dovuta ad una dermatite, a mancanza di igiene oppure ad un’irritazione causata da alcuni prodotti igienici o dai profilattici. Si manifesta con eritema doloroso del glande o un forte prurito.

FORME COMUNI DI INFEZIONI GENITALI FEMMINILI

Vaginite: è un’infezione che riguarda le pareti della vagina e si manifesta con leucorrea (una secrezione vaginale più o meno copiosa a volte di cattivo odore), bruciore, prurito e dolore durante i rapporti sessuali. Spesso è associata a vulvite (infiammazione della vulva). Quella infettiva può dipendere da uno squilibrio della flora vaginale (uno strato di batteri presente sulla superficie della mucosa vaginale a difesa dalle infezioni) o all’intrusione nella vagina di un agente patogeno come la candida o lo streptococco. La vaginite può anche però dipendere da allergie a prodotti intimi o dall’atrofia della mucosa vaginale.

Infezione delle vie genitali superiori:  detta anche malattia infiammatoria pelvica ed è un’infezione degli organi genitali interni che, in casi gravi, può portare alla sterilità. Generalmente passa dalla cervice (cervicite) all’endometrio (endometrite) prima di interessare le tube uterine (salpingite) e le ovaie. A volte può estendersi anche al peritoneo.