Gastroenterite

La gastroenterite è un’infiammazione della mucosa dello stomaco e dell’intestino che causa diarrea e vomito; generalmente trae origine da un’infezione dovuta all’ingestione di acqua o cibo contaminato da batteri, virus o parassiti intestinali, ma può anche essere provocata da intolleranze o da intossicazioni alimentari.

I più comuni virus responsabili della gastroenterite si chiamano Norovirus,  generalmente sono trasmessi da acqua o cibo contaminati e possono passare da persona a persona se gli standard igienici non vengono rispettati. I sintomi di solito compaiono un paio di giorni dopo il contagio per poi scomparire spontaneamente dopo due o tre giorni. Per prevenire questo tipo di infiammazione ed evitarne il contagio è opportuno lavare sempre le mani ed il cibo ma anche utilizzare metodi di conservazione adeguati e cuocere  gli alimenti.

TIPI DI GASTROENTERITE

Salmonellosi: causata dal batterio del genere Salmonella, la contaminazione deriva dal consumo di bevande o alimenti infettati da questo tipo di batterio.  Quasi sempre le persone che contraggono questa infezione guariscono spontaneamente in 3-5 giorni.

Diarrea del viaggiatore: detta anche ‘la vendetta di Montezuma’ è provocata dal consumo di bevande o cibi contaminati dal batterio Escherichia coli. I sintomi scompaiono di solito in pochi giorni, quando però persistono o sono accompagnati da febbre alta, è consigliabile consultare un medico. Per prevenire questo tipo di disturbo basta seguire piccole accortezze quando si è in viaggio: consumare solo cibi cotti, acqua imbottigliata e frutta e verdura sbucciata ed accuratamente lavata con acqua potabilizzata.

Botulismo: è una grave forma di intossicazione alimentare provocata da una sostanza tossica prodotta dal batterio Clostridium botulinum; la contaminazione avviene ingerendo cibo infetto; i primi sintomi (dolore addominale, vomito e diarrea) sono seguiti da scompensi del sistema nervoso come difficoltà a deglutire, parlare o vedere. Le forme più gravi possono portare alla paralisi nonché a problemi cardiaci e respiratori anche letali.